Logo

9 Novembre

Sala Proiezioni • 09:00 | 12:45

a cura di GialloSassi
Percorso guidato e partecipato sulle tradizioni e sulla storia del pane che mediante canti e aneddoti introduce praticamente gli studenti delle scuole secondarie di I e II grado alla preparazione del pane.

Scuole • 09:30 | 11:50

Le vie del pane: percorsi per la creazione di piccoli misteri è uno spettacolo teatrale di Laurent Dupont a cura di Rossana Farinati pensato per le scuole dell'infanzia. L'azione teatrale mette in scena il processo di preparazione del pane, permettendo al bambino di entrare in contatto con il pane e con le materie che lo creano.
Il pane, e più in generale il cibo, è essenziale per la nostra esistenza, ma i saperi relativi ad esso si stanno lentamente dissolvendo nella nebbia della società consumistica. Le conoscenze relative alla comunicazione, ai media, al design e all’arte sono largamente soggette ad un discorso in cui si diluisce il senso di responsabilità a favore di un rinforzo della percezione del mercato quale fine ultimo delle azioni umane. Antonio Rollo e Oliver Vodeb dialogano con gli studenti del Liceo Scientifico "Dante Alighieri" di Matera, presentando una riflessione sullo stato attuale e futuro della “democrazia del cibo” attraverso un excursus sui piaceri e dispiaceri della storia del pane lievitato, riconducibile agli Egizi di seimila anni fa.

Festival off / Case Private • 13:00 | 14:00

Lipstick + Bread: workshop che utilizza un processo di progettazione per coinvolgere i partecipanti in un'avventura culinaria attraverso la politica, le culture e l'estetica del pane. I partecipanti cucineranno un set di tre piatti appositamente curati per Matera, Terra del Pane. I piatti metteranno in relazione il pane con le storie globali e con il piacere come desiderio umano esistenziale.

Sala Proiezioni • 16:30 | 18:00

Il percorso Briciole di Pane è un progetto di lettura, dedicato ai ragazzi dai 6 ai 10 anni, che prevede di selezionare all'interno del panorama della letteratura per ragazzi libri, differenti per tipologia e genere, il cui focus tematico è il pane, rappresentato nella sua ricchezza di significati simbolici e valenze culturali.

Sala Conferenze • 16:30 | 17:00

con Dancehaus Company a cura di Matteo Bittante in collaborazione con Consorzio Teatri Uniti Basilicata
Azione site specific. Tre danzatrici, Alessia Smorta, Simona Semeraro e Michela Sarra, condurranno il pubblico attraverso performance ispirate alle fasi di preparazione del pane: elementi, impasto, lievitazione, cottura.

Sala Conferenze • 17:00 | 17:45

I teenager vedono il mondo in diverso, questo è risaputo. Per questo abbiamo provato a chiedere ai ragazzi del liceo artistico "Duni-Levi" di Matera di esprimersi attraverso dei video. Traccia del tema: Realizzate un video della durata massima di un minuto sul soggetto "La terra del pane". Le loro voci verranno ascoltate prima individualmente attraverso i social network, poi insieme attraverso un montaggio video che mostrerà il risultato di questo esercizio.

Sala Conferenze • 17:45 | 18:00

Performance multimediale dell'artista Veronica Liuzzi che indaga la connessione tra luce, spazio, suono, e movimento, ponendo al vertice dell'azione un parallelismo tra crescita e decrescita.

Sala Conferenze • 18:30 | 19:15

conversazione con Oliver Vodeb
In un mondo nel quale la comunicazione è sempre più accelerata e pervasiva, siamo costantemente in deficit di strumenti interpretativi che ci permettano di comprendere realmente questa complessità e di interagire con essa. Molte delle istituzioni tradizionalmente deputate alla produzione di strumenti di questo tipo hanno progressivamente dimostrato la loro inadeguatezza, appiattendosi sulle logiche più puramente di marketing. Da qui la tematica della "food democracy, anche si snoda attravero lo studio di casi critici sulle pratiche alimentari e riflessioni su possibili modelli di comunicazione, design e arte utili per neutralizzare il ruolo dell'industria alimentare come macchina del consumo.

Food Democracy - La mostra
La mostra presenta una selezione di dieci progetti relativi a esempi internazionali di pratiche alimentari emancipative e riflessioni su possibili modelli di design e arte della comunicazione reattiva. In un mondo in cui la privatizzazione e il capitalismo dominano l'economia globale, che contrastano il ruolo dell'industria alimentare come macchina di consumo.

Sala Conferenze • 18:30 | 19:00

con Dancehaus company a cura di Matteo Bittante in collaborazione con Consorzio Teatri Uniti Basilicata
Azione site specific. Tre danzatrici, Alessia Smorta, Simona Semeraro e Michela Sarra, condurranno il pubblico attraverso performance ispirate alle fasi di preparazione del pane: elementi, impasto, lievitazione, cottura.

Sala Mostre • 19:15 | 20:15

La mostra Hunger presenta tre sguardi provenienti dall’Europa dell’Est, territori geograficamente lontani, ma temporalmente coinvoilti rispetto ai processi di trasformazione sociale e culturale innescati, prima, dalla rivoluzione industiale e, successivamente, amplificati dalla rivoluzione delle telecomunicazioni.

Sala Conferenze • 20:00 | 21:15

Tratto dal racconto di Karen Bixen del 1950 e dall'omonimo film del 1987 diretto e sceneggiato da Gabriel Axen, la riproduzione teatrale de Il pranzo di Babette a cura di Francesco Nicolini e diretta e recitata da Paolo Panaro, punta alla ricerca della purezza cristallina delle emozioni: il miracolo e l’invidia, la paura dei sentimenti, il batticuore, gli anni che passano, le occasioni perdute, i rimpianti e, sopra ogni cosa, una riflessione sulla generosità dell’arte, che cambia la vita.

Sala Conferenze • 20:00 | 20:30

con Dancehaus company a cura di Matteo Bittante in collaborazione con Consorzio Teatri Uniti Basilicata
Azione site specific. Tre danzatrici, Alessia Smorta, Simona Semeraro e Michela Sarra, condurranno il pubblico attraverso performance ispirate alle fasi di preparazione del pane: elementi, impasto, lievitazione, cottura.

Sala Conferenze • 21:15 | 22:00

Reading di racconti brevi e versi poetici della terra, del grano e del pane.

Sala Conferenze • 22:00 | 23:30

in collaborazione con Associazione Cinergia
Proiezione del film "La nostra terra" di Giulio Manfredonia. La nostra terra di Giulio Manfredonia racconta una cooperativa sociale che cerca di far partire un'azienda agricola in un terreno confiscato ad un boss mafioso.Il film si svolge nel Sud Italia (in Puglia, anche se non viene specificato), dove viene mandato Filippo, un uomo che da anni "fa antimafia" in un ufficio nel Nord Italia, per seguire l'organizzazione e la coltivazione della terra dell'immensa proprietà all'interno del podere sequestrato al boss Nicola Sansone. Non è semplice la creazione di una cooperativa sociale ed è ancora più difficile all'interno di un bene confiscato in un territorio controllato dalla mafia.

con il contributo di:

torna su

comitato scientifico:

Vincenzo Santochirico
Antonio Calbi
Giancarlo Chielli
Ferdinando Felice Mirizzi
Roland Seiko

partner del progetto:

Istituto Luce-Cinecittà | AAMOD (Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico) | Compagnie Famille Mundi | Conservatorio Musicale E.R.Duni di Matera | International Council for Cultural Centers (Bread House – Gabrovo) | Association Tourisme et Développement Duralble des Terriotoires (Master Università Montepelier) | New Destination Network | Consorzio Città Essenziale | CVETOSCOP - coop | Unibas - Dicem e Accademia delle Belle arti di Bari | Associazione Giallo Sassi | il Forno di Gennaro - Gennaro Perrone & C. s.r.l.


media partner: